Documentazione IBM HTTP Server

Abilitazione della memorizzazione nella cache ID di sessione

Amministrazione del sistema
Piattaforma Windows NT
Piattaforma Windows 2000

Gli ID di sessione memorizzati nella cache consentono ad un client e ad un server di comunicare tramite un'inizializzazione di interscambio pių breve.

Per abilitare la memorizzazione nella cache degli ID di sessione sulle piattaforme Windows NT e Windows 2000:

  1. Impostare il valore di timeout che viene applicato alla cache dell'ID di sessione a un valore maggiore di 0. Specificare la direttiva SSLV2Timeout con valori validi compresi tra 0 e 100 e la direttiva SSLV3Timeout con valori validi compresi tra 0 e 86400. Tali valori sono espressi in secondi.
  2. Salvare il file di configurazione e riavviare il server.
Amministrazione del sistema
Piattaforma UNIX

 

Per abilitare la memorizzazione nella cache degli ID di sessione sulle piattaforme UNIX:

  1. Accettare l'impostazione predefinita, oppure specificare la direttiva SSLCacheEnable nel file di configurazione esterno ad una sezione dell'host virtuale.
  2. Assegnare un nome alla porta per la cache ID di sessione, specificando SSLCachePortFilename, se il nome predefinito nella directory var/logs non č valido.
  3. Impostare il valore di timeout da applicare alla cache dell'ID sessione. Specificare la direttiva SSLV2Timeout con valori validi compresi tra 0 e 100 e la direttiva SSLV3Timeout con valori validi compresi tra 0 e 86400. Tali valori sono espressi in secondi.
  4. Stabilire dove registrare gli errori relativi alla funzione di memorizzazione nella cache. Per abilitare la registrazione degli errori che si possono verificare durante la memorizzazione nella cache ID di sessione, o per richiamarli dalla cache, specificare la direttiva SSLCacheErrorLog nel file di configurazione esterno ad una sezione dell'host virtuale.
  5. Salvare il file di configurazione e riavviare il server.
Informazioni correlate